01
June
Cicatrici da acne: la “multi-layer technique”
12 :39 PM / Blog /

La maggior parte degli adolescenti è purtroppo affetta da acne e spesso da questa malattia infettivo-infiammatoria residuano cicatrici deturpanti. Messa a punto da oltre 3 anni (in collaborazione con il Dott. Girish Munavalli, Charlotte, CA, USA e il Dott. Marc Roscher, Durban, South Africa) la multi-layer technique può essere considerata la metodica laser più avanzata per il trattamento di questo tipo di cicatrici. Il laser a CO2 utilizzato è un laser ultrapulsato che è dotato di 2 manipoli con differenti caratteristiche. Il manipolo “CPG” permette di ottenere ablazioni di 1,3 mm di diametro e 0,2-0,3 mm di profondità; il manipolo “microablation”   permette invece di avere ablazioni di 0,12 mm di diametro e sino a 4 mm di profondità. La metodica prevede 4 step:

1)      Si colpisce solo il fondo delle lesioni con il manipolo microablation al fine di avere produzione di nuovo collagene esattamente dove questo manca (e cioè alla base della cicatrice). In questo modo nei mesi successivi al trattamento il fondo della lesione sarà sempre meno profondo.

2)      Con il manipolo CPG si scolpisce e si smussano le spalle di ogni cicatrice al fine di renderle meno evidenti quando colpite da luce a 45°.

3)      Con il manipolo microablation si tratta tutta l’area affetta da cicatrici al fine di avere una importante riduzione anche del diametro delle cicatrici

4)      Tutto il volto è trattato mediante il manipolo CPG con settaggi che permettono un miglioramento della luminosità e della texture superficiale.

Con un singolo trattamento (che si esegue in anestesia topica con eventuale sedazione farmacologica) si ottiene un miglioramento che spesso è del 50%. Si può osservare un poco di gonfiore, di sanguinamento e di sierosità il giorno dopo il trattamento. La metodica è riassunta nello schema Multilayer.

Bisogna non esporsi alla luce solare diretta ed intensa per 2 mesi dopo il trattamento e la convalescenza è di circa 5 giorni. La produzione ed il rimodellamento del collagene è ancora presente 9 mesi dopo il trattamento e quindi non è consigliato eseguire un secondo intervento prima di questo intervallo di tempo.